Featured Posts

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young + Promise Of The Real - The Visitor

Il nuovo album è un viaggio personale tra i temi cari a Neil Young che esplora sonorità inedite tra blues e texmex, rock distorto e orchestrale, persino funk e rap.

David Crosby - Sky Trails

Terzo album in appena quattro anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

martedì 10 agosto 2010

Neil Young: After The Gold Rush (Reprise, 1970)



Da molti considerato il suo miglior album in assoluto, Gold Rush è senz'altro il primo album intimo e personale di Neil Young, un "altro esordio" che a livello di profondità cantautoriale supera qualsiasi prova precedente. "Don't Let It Bring You Down", "Southern Man", "Tell Me Why", "When You Dance", la stessa "After The Gold Rush": ogni canzone di questo album è diventata un intramontabile classico nel repertorio del canadese.
Musicalmente, l'alternarsi di brani acustici ed elettrici rappresenta in pieno tutte le sue sfumature creative. L'ecletticità dei testi è altrettanto variegata e sorprendente. L'album è nato nella casa-studio di Topanga Canyon, con qualche aggiunta da altre sessions, e il respiro intimistico, acustico e un po' improvvisato dà il tono all'intera opera. Capolavoro.

Matteo Barbieri, Rockinffreeworld


After The Gold Rush (Settembre 1970, Reprise RS 6383)
Neil Young

Tell Me Why [2:54]
After The Goldrush [3:45]
Only Love Can Break Your Heart [3:05]
Southern Man [5:41]
Till The Morning Comes [1:17]
Oh, Lonesome Me [3:47]
Don't Let It Bring You Down [2:56]
Birds [2:34]
When You Dance I Can Really Love [3:44]
I Believe In You [2:24]
Cripple Creek Ferry [1:34]

Tutte le canzoni sono scritte da Neil Young ad eccezione di "Oh, Lonesome Me", scritta da Don Gibson.
Prodotto da Neil Young, David Briggs e Kendall Pacios
Registrato al Sunset Sound e al Sound City di Hollywood, e nello studio di registrazione privato di Neil a Topanga, CA, tra agosto 1969 e giungno 1970.

Il Cast
Neil Young: guitar, piano, harmonica, vibes, vocal
Danny Whitten: guitar, vocal
Billy Talbot: bass
Ralph Molina: drums, vocal
Jack Nitzsche: piano
Greg Reeves: bass
Nils Lofgren: piano, vocal
Bill Peterson: flugelhorn
Stephen Stills: vocal

Note: Nelle liner notes per l'album, c'è una track list scritta a mano da Neil, probabilmente è la set list di un concerto, infatti moltre delle canzoni sono ancora inedite eccola qui riportata:
1. Oh Lonesome Me
2. Wondering
3. Everybody's Alone
4. Sugar Mountain
5. Sea Of Madness
6. Big Waves
7. Dance, Dance, Dance
8. Birds
9. I Need Her Love To Get By