Featured Posts

Neil Young - Roxy: Tonight's The Night Live

Il nuovo live d'archivio è la testimonianza del celeberrimo tour del 1973 con i Santa Monica Flyers, una selezione dai concerti inaugurali del Roxy Club di Los Angeles.

Neil Young + Promise Of The Real - Paradox

L'ultimo esperimento è un "pastiche" cinematografico surreal-western a base ecologista, più relativo soundtrack che mischia brani live, jam, cover e strumentali.

Neil Young Archives

Il sito web ufficiale dove potete rivivere l'intera carriera di Neil Young: canzoni, album, film, inediti, foto, manoscritti, memorabilia, video, radio clips e tanto altro.

Neil Young + Promise Of The Real - The Visitor

Il nuovo album è un viaggio personale tra i temi cari a Neil Young che esplora sonorità inedite tra blues e texmex, rock distorto e orchestrale, persino funk e rap.

David Crosby - Sky Trails

Terzo album in appena quattro anni, il nuovo sofisticato lavoro del membro più anziano di CSN&Y è un'altra prova della sua ritrovata creatività.

giovedì 5 agosto 2010

Dead Man (1995) - Articoli e interviste a Jim Jarmusch


La chitarra elettrica sgrana le sue vibrazioni fino all’ultimo titolo di coda, quasi non si rassegnasse a staccarsi dalle immagini del film, che gonfia di un’estrema eco musicale. Raramente nel cinema, regista e autore della colonna sonora hanno raggiunto una intensa armoniosa come Jim Jarmusch e Neil Young in Dean Man, singolare western in bianco e nero che recupera cadenza narrative e stile visivo del muto (anche le mascherine circolari a chiusura delle varie sequenze) immergendo le immagini in un flusso musicale solitario e infinito.
Neil Young – spiega il cineasta newyorkese – ha cercato dentro di sé la reazione emotiva al film esprimendola con la chitarra elettrica. È l’unico strumento che ha impiegato ma con l’effetto dilatato, sinfonico: a parte l’intervento del pianoforte in un paio di momenti, la musica di Dead Man è la chitarra di Neil, che lui trasforma in orchestra, facendone un movimento mentale, avvolgente, come una voce off. La musica di Neil Young è diventata un personaggio del film, controcanto del protagonista Johnny Depp.”
Come siete arrivati a un contrappunto così vitale tra immagini e musica?
Già cinematograficamente avevo concepito Dead Man come una partitura in bianco e nero: il ricorso alle “chiusure circolari” del muto non è un esercizio di antiquariato in celluloide, ma l’adozione di una precisa scansione ritmica. Anche Neil Young si è calato in questa scelta elementare ma ricca di possibilità, limitandosi a uno o due strumenti ma utilizzandoli in variazioni infinite. Ho imparato molto, anche sul cinema, dal suo modo di affrontare la musica per film.”
È stato semplice per Young trovare una sintonia così suggestiva tra immagini e suoni?
Neil è un po’ strano. La versione di Dead Man che gli ha ispirato la musica durava una ventina di minuti di più di quella definitiva di 2 ore e un quarto. In un deposito di San Francisco abbiamo ricavato uno Studio dove Young si è rinchiuso per due giorni, suonando e improvvisando sopra le immagini che gli sfilavano davanti. Ha ripetuto l’esperimento due o tre volte, senza concedersi nemmeno una sosta né mai tornare indietro come chiedono spesso gli autori di colonne sonore. Credo che abbia voluto lavorare così per rispettare la musicalità del film. Anche per lui Dead Man doveva essere dall’inizio alla fine una composizione musicale.”
La musica è una componente chiave del suo cinema, interna alla struttura del film, prima ancora di diventare colonna sonora.
Sì, presto grande attenzione alla musica delle immagini. A partire da Taxi di notte, lavoro con lo stesso montatore, Jay Rabinowitz. Condividiamo gli stessi gusti musicali, ci scambiamo le cassette: quando ci dedichiamo al montaggio cerchiamo di stare bene attenti al ritmo delle singole sequenze e alla loro interazione.”
A quali altri registi “musicali” si sente vicino?
Sicuramente a Martin Scorsese, che non a caso ha scelto come montatrice una vera musicista, Thelma Schoonmaker, straordinaria nel trovare ritmi di montaggio trascinanti, come in Goodfellas. È un film che ho visto almeno sei volte, proprio grazie al suo ritmo. Quando ho scoperto che durava quasi due ore e mezza non riuscivo a crederci: mi era sembrato che non arrivasse nemmeno ai canonici novanta minuti.”
Pier Cardinali


 
 di Francesco Norci dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 28.05.1995



 
di Pier Cardinali dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 17.06.1996